GIORNI FELICI BECKETT PDF

Willie, uomo sulla sessantina. Il pendio digrada dolcemente verso la ribalta e sui due lati: verso il fondo scende invece con un salto pi brusco. Massima semplicit e simmetria. Luce violenta.

Author:Fenridal Faegor
Country:Cameroon
Language:English (Spanish)
Genre:Science
Published (Last):15 March 2014
Pages:458
PDF File Size:7.69 Mb
ePub File Size:7.87 Mb
ISBN:881-6-81966-430-7
Downloads:20527
Price:Free* [*Free Regsitration Required]
Uploader:Nagore



Willie, uomo sulla sessantina. Luce violenta. Interrata fin sopra alla vita, esattamente al centro del monticello, Winnie. Lunga pausa. Squillo stridente di un campanello, per una decina di secondi. Il campanello tace. Winnie non si muove. Winnie si sveglia. Winnie si raddrizza, si appoggia con le due mani a terra, getta indietro la testa e guarda lo zenit. Giunge le mani sul petto, chiude gli occhi. Si fermano. Mani ancora giunte.

Apre gli occhi, disgiunge le mani, le riappoggia a terra. Torna a giungere le mani sul petto, chiude gli occhi, muove le labbra per circa cinque secondi, in una silenziosa aggiunta. Riapre gli occhi, disgiunge le mani, le riappoggia a terra.

Comincia la tua giornata, Winnie. Ad alta voce Oh-oooh! Sorride intenerita mentre si volta verso la sala e posa lo spazzolino Povero Willie Il sorriso cade Dono meraviglioso Vecchie pupille.

Avanti, Winnie. Si guarda intorno, vede il parasole, lo raccatta e trae dal fodero un manico di sorprendente lunghezza. Dono meraviglioso. Lo colpisce col manico del parasole Potessi averlo io. Lo colpisce di nuovo. Il parasole le sfugge di mano e cade dietro il monticello. Le viene immediatamente restituito dalla mano invisibile di Willie.

Grazie caro. Rumore di vetro infranto. Si mette gli occhiali, cerca lo specchietto Non devo lamentarmi. Labbra Oh brevi gioie Willie si sta rizzando a sedere. Willie apre un giornale, le mani restano invisibili. La cima di due fogli gialli appare ai due lati della sua testa. Willie volta la pagina. Winnie posa il rossetto e lo specchio, si volta verso la sporta Pallida bandiera. Winnie fruga nella sporta, estrae un complicato cappellino, senza tesa con una piuma malconcia, si volta verso la sala, rimette in forma il cappello, liscia la piuma, fa per metterselo in testa, interrompe il gesto mentre Willie legge.

Chiudo gli occhi Riapre gli occhi, si rimette gli occhiali, giocherella con il cappello Che bei ricordi! Chiude gli occhi Il mio primo bacio! Winnie apre gli occhi Un certo signor Johnson, o Johnston, o forse era addirittura Johnstone. Con reverenza Quasi rossi! I fasci di giunchi. Le ombre che infittiscono fra le travi del soffitto.

Il giornale sparisce. Willie smette di farsi aria Willie ricomincia a farsi aria. Willie smette di farsi aria, pausa E se per qualche strano motivo, non ci sono a disposizione altre pene, poco male, basta chiudere gli occhi Voltandosi verso Willie Spero che tu stia facendo tesoro Allunga una mano e Willie le porge la cartolina. Winnie si volta verso la sala ed esamina la cartolina Santo cielo, ma cosa stanno combinando?

Esamina la cartolina. Roba da far vomitare qualsiasi persona per bene! Winnie cerca la lente d! Ultimo lungo scrutinio. Il braccio di Willie scompare. La sua mano riappare immediatamente con la cartolina. Setola animale. Sorride No no. Il sorriso cade Non proprio. Una parte. Un bel giorno, quando meno te lo aspetti, ritorna a galla. La mano e la cartolina di Willie scompaiono.

Si volta verso la sala. Il sorriso cade Adagio, Winnie. E allora? Seccamente, come a uno che non presti attenzione Winnie! Willie si soffia a lungo il naso, fragorosamente, testa e mani invisibili. Winnie si protende a guardarlo. La testa riappare. Ma ci sono anche certi giorni in cui rispondi. Mentre se tu dovessi venire a morte Lunga pausa mentre esegue.

Salvo forse, di tanto in tanto, una volta ogni tanto, un sorriso nello specchio. Normalmente lo faccio. Che lo si fa tutto. E umano.

La natura umana. Si china a ispezionare il monticello. Espressione perplessa. Il sorriso cade Eppure Perplessa I peli? O il pelo? Strigliare i peli? Mi sembra che suoni male. La gioia cade. Un altro giorno felice. Abbassa la mano. Abbassa la testa. Voce bassa Che giorno? Alza la testa. Voce normale Questa poi. Le parole mancano, ci sono delle volte in cui perfino loro mancano. E solo questo che voglio dire. E questo che trovo meraviglioso, che non passa giorno Su, muoviti, Willie.

Lo segue con gli occhi Non a testa avanti, stupido, se no come fai a voltarti, poi? Hai dimenticato la vaselina.

DISTRACCION OSTEOGENICA PDF

Beckett, Samuel - Giorni felici

.

ALAMIRO DE AVILA MARTEL PDF

Monologo da Giorni felici, di Samuel Beckett

.

DRDO ADVERTISEMENT 115 PDF

Giorni felici (Beckett)

.

FRASCARA JORGE EL PODER DE LA IMAGEN PDF

Giorni felici

.

Related Articles